Asse IV del Fondo Europeo per la pesca - “ Sviluppo sostenibile delle zone di pesca“ PDF Stampa E-mail

Le motivazioni e le scelte

Le zone costiere rispecchiano numerose delle difficoltà fondamentali a cui deve far fronte l’UE.

Complessivamente, esse coprono il 10% del suo territorio, ospitandone il 16% della popolazione. Numerose zone costiere rappresentano la destinazione privilegiata di nuove utenze residenziali e ricreative, il cui stesso successo può esercitare enormi pressioni tanto sulle attività tradizionali come la pesca, quanto sulle risorse naturali.

All’altro estremo, in questo inizio di secolo , molte delle aree costiere che dipendono massicciamente dalla pesca si stanno trovando dinanzi ad una serie di nuove difficoltà. Fra le altre cose, la progressiva riduzione delle risorse del mare e la necessità di sfruttare in modo sostenibile l’ambiente, con particolare attenzione alla qualità delle acque nelle quali si praticano la pesca e l’acquacoltura .

La Commissione  Europea ha preso atto che queste problematiche, cui sono soggette le zone di pesca e le relative comunità, non possono essere gestite mediante politiche tradizionali e strumenti isolati. Per questo motivo, il regolamento FEP (Fondo Europeo per la Pesca) per il periodo 2007-2013 contiene un nuovo “Asse prioritario 4 per lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca”.


La differenza fondamentale tra l’Asse 4 e le altre misure previste in questo e in altri periodi di programmazione del FEP non risiede specificamente nel contenuto delle azioni. Infatti numerose delle azioni portate avanti nell’ambito dell’Asse IV saranno probabilmente simili a quelle attuate nel quadro degli altri assi del FEP ( in particolare l’asse II e l’Asse III ).

Il principale valore aggiunto dell’asse IV deve essere piuttosto ricercato nel modo in cui queste azioni vengono attuate e correlate, nelle stesse comunità attive nel settore della pesca.


La Commissione sostiene che, vista “la diversità delle zone e delle situazioni all’interno della Comunità e tenendo conto del principio di sussidiarietà, i contributi erogati dal Fondo per lo sviluppo delle zone costiere dovranno far parte di un approccio integrato a livello locale basato su una pertinente strategia territoriale e adattato alla situazione locale, la cui progettazione e attuazione dovranno essere il più possibile decentralizzate, di preferenza con la partecipazione di operatori locali attivi sul terreno e l’adozione di una metodologia “bottom-up”.”


Scopo dell’Asse IV, pertanto, non è unicamente quello di contrastare gli effetti a breve termine della politica comune della pesca e l’impatto economico, sociale e ambientale dell’impoverimento degli stock ittici. Il suo obiettivo consiste piuttosto nell’aiutare le comunità e zone di pesca a creare nuove fonti sostenibili di reddito durature nel tempo. A tale scopo, intende fornire alle popolazioni, le quali devono comprendere sia i problemi, sia le aspirazioni delle comunità dedite alla pesca, gli strumenti opportuni per adeguare le soluzioni alle proprie esigenze reali.

 

Gli interventi relativi all’ asse  IV prevedono la costituzione di Gruppi di Azione Costiera (GAC)  nelle zone di pesca soggette a fenomeni di declino con lo scopo di creare la multiattività dei pescatori e di integrarli in un contesto economico più ampio a livello locale.

Il numero di tali Gruppi è stato pianificato sia a livello nazionale che a livello Europeo .

 

Nel grafico che segue viene aggiornata lo stato di attuazione dell’asse IV a livello europeo  a Febbraio 2014 (fonte FARNET)

 

 

 

flags_feb14

 

 

Mappa dei GAC Italiani approvati

 

 

 

 

 

L’iniziativa della regione Calabria per l’Asse IV

Trattandosi di una iniziativa di approccio per molti versi sperimentale e nel rispetto delle procedure indicate dalla Commissione in materia di divulgazione delle informazioni , la Regione Calabria ha  provveduto a organizzare un evento informativo rappresentato dal seminario “Verso la gestione integrata della fascia costiera" tenutosi a Lamezia Terme  il 12 Gennaio 2010. (si veda lo “speciale seminario“  con i contributi dei relatori)

 

Inoltre la Regione si è avvalsa della collaborazione della struttura Farnet, incaricata dalla Commisisone Europea di svolgere la fase di assistenza tecnica nella  fase di concertazione  propedeutica, per  il definitivo lancio del programma a livello locale.


I riferimenti di dettaglio sull’avanzamento del programma a livello europeo possono pertanto essere reperite direttamente dal sito FARNET:


https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/cms/farnet

 

 

Lo Staff di Assistenza Tecnica Farnet

 

 
Altre informazioni di notevole interesse possono essere tratte dai seguenti documenti PDF Stampa E-mail

strumentiperilancio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

STRUMENTI PER IL LANCIO DELL'ASSE 4 DEL FEP
download pdf

 

 

guidaapplicazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE ZONE DI PESCA: GUIDA ALL'APPLICAZIONE DELL'ASSE 4 DEL FEP
download pdf

 

 

domandeesuggerimenti

 

 

ATTUAZIONE DELL'ASSE 4 DEL FONDO EUROPEO PER LA PESCA
download pdf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ANALISI DEL PSL DEI GRUPPI DI AZIONE COSTIERA APPROVATI
di Andrea Ponticelli
download pdf

 

 

Pubblicazioni edite da Farnet:

 

 

FARNET - GUIDA 1


Questa guida è stata realizzata con l’intento di aiutare gli attuali e futuri FLAGS (Gruppi di Azione zone Costiera) e tutti coloro che insieme ai Flag sono impegnati sia nel processo di costituzione e gestione di una partnership a livello territoriale, sia in quello di creazione e successiva  fornitura di  una strategia di sviluppo a livello locale. L’ asse 4 prioritario rappresenta una novità per i Fondi di pesca europei (EFF) in quanto si concentra principalmente sullo sviluppo sostenibile delle aree di pesca. Questo approccio di tipo territoriale venne presentato per la prima volta nel regolamento dei fondi di pesca nel periodo 2007-2013 e riflette il riconoscimento ,da parte della Commissione che il processo di rapida e continua evoluzione che interessa le zone di pesca  non può essere affrontato seguendo le politiche e gli strumenti tradizionali.


download pdf

 

 

 

 

FARNET - GUIDA 2

 

Questa guida ha lo scopo di assistere i FLAG e le autorità di gestione nell'attuazione di questo aspetto dell’Asse 4. Nello specifico, si propone di spiegare cosa si intende per cooperazione nell'ambito dell'Asse 4, i potenziali benefici per le GAC e le loro aree, e di come il sostegno alla cooperazione può essere meglio organizzato e gestito a livello GAC FLAG che vogliono utilizzare la cooperazione per acquisire la conoscenza pratica che aiuta nelle prime fasi della gestione del loro partenariato e attuare la loro strategia locale.

 

 

 

 

download pdf

 

 

FARNET - GUIDA 3

Questa guida è stata sviluppata come strumento per sostenere i promotori di progetti locali nella pianificazione e nell'attuazione di progetti che cercano di aggiungere valore ai prodotti della pesca locale e dei prodotti dell'acquacoltura. Non ha lo scopo di dare un elenco esaustivo di tutti i possibili approcci per aggiungere valore, che sono numerosi come i diversi tipi di mercato o di processi produttivi locali. E’ stata ideata per permettere ai promotori di progetto di strutturare i loro sforzi al fine di massimizzare le loro possibilità di successo. E'importante rendersi conto che il problema di massimizzare il valore derivante dalla produzione si applica a tutti i livelli del settore della pesca e dell'acquacoltura, qualunque sia la dimensione del business o la specie bersaglio. Ci sono, quindi, molte possibilità di valore aggiunto in quanto vi sono diversi tipi di produzione. Tuttavia, la logica che è comune a tutte le  azioni di aggiungere valore è di assicurare che il prodotto soddisfi le esigenze del mercato.

 

download pdf

 

 

FARNET - GUIDA 4


Questa guida è stata sviluppata  per sostenere i Gruppi di Azione Locale nel passaggio dalla fase di progettazione e sviluppo di attività per diventare pienamente operativi. L'iniziativa è rivolta in particolare alla seconda ondata di GAC nazionali che dovrebbero entrare in funzione nel 2011. La guida si concentra su tre temi che sono stati identificati come esigenze prioritarie di sostegno dei GAC nel seminario a Gijon, della primavera del 2010. Ogni tema è presentato come un capitolo a parte e può essere letto come tale.
I tre temi sono:
• Gestione di partenariati efficaci;
• Coltivare il coinvolgimento del settore privato e degli investimenti,
• Lo sviluppo del progetto attivo e la selezione.

download pdf

 

 

FARNET - GUIDA 5

 

Le attuali sfide socio-economiche del settore della pesca europeo invitano a una vasta gamma di misure volte a migliorare le condizioni di vita dei pescatori e delle loro famiglie, così come gli altri abitanti della comunità di pesca. Una possibilità aperta dell'Asse 4 del FEP è la diversificazione economica delle zone di pesca.
Questa guida si rivolge a quei GAC che comprendono la diversificazione come uno degli obiettivi delle loro strategie, così come per i potenziali beneficiari che intendono realizzare progetti di diversificazione. Ha lo scopo di affrontare le questioni su come diversificare le zone di pesca e comprende una panoramica delle diverse opzioni di diversificazione che può essere adattato per aiutare le comunità di pescatori di tutta Europa a costruire economie più forti per il futuro.


download pdf

 

 

FARNET - GUIDA 6

Gli ecosistemi sono al centro di tutte le attività umane: la qualità dell’ acqua dolce è la base della qualità della produzione alimentare interna; coste naturali e dune di sabbia sono elementi chiave nella prevenzione delle inondazioni; senza adeguato funzionamento degli ecosistemi marini, gli stock ittici possono  inevitabilmente crollare e l'allevamento di pesci sarebbe impossibile. Con questa 6 ° edizione delle guide tematiche del FARNET ci proponiamo di dimostrare, attraverso esempi pratici, come GAC possono contribuire settori interessanti e redditizi della pesca durante l'applicazione di alcuni principi chiave che contribuiranno a garantire uno sviluppo ecologicamente sostenibile.
Speriamo che questa guida vi offra  alcune riflessioni e idee che ispirano e motivano i Gruppi di Azione Costiera (flag) nel raggiungimento dei loro obiettivi, come motori dello sviluppo sostenibile nelle zone di pesca europee.

 

download pdf

 

 

FARNET - GUIDA 7

 

In un periodo relativamente breve, l’Asse 4 ha già dimostrato di poter contribuire a risolvere alcune delle principali sfide che incontrano le comunità di pescatori. In pochi anni, è riuscita a generare diverse migliaia di progetti rispondenti alle esigenze locali e di portare un dinamismo tanto necessario a livello locale. L’Asse 4 è prima di tutto uno strumento che permette ai pescatori e alle comunità di pescatori a prendere il loro futuro nelle proprie mani. Questa pubblicazione esamina ciò che questo significa in termini concreti per le comunità di pescatori in diverse parti d'Europa.

 

 

download pdf

 

 

farnet8FARNET - GUIDA 8

Nel 2013 il seminario FARNET dal titolo "Gestione della Pesca Localeha visto la partecipazione di operatori di tutta Europa che si sono riuniti allo scopo di confrontarsi ed scambiarsi idee in merito a questioni come la gestione della pesca locale dei prodotti ittici.

Attraverso questa guida si intende proporre alcune delle possibilità e strumenti di cui si possono avvalere gli operatori locali dei settori allo scopo di migliorare la gestione della pesca. anche con il supporto dei FLAG. Il primo punto di cui tratta la guida è rappresentato dai benefici che deriverebbero da un miglioramento di gestione dei prodotti ittici locali. Il secondo punto è dedicato ai FLAG, il loro ruolo e il modo in cui possono essere di supporto in materia di sviluppo dei prodotti di gestione. Infine, vengono suggerite due soluzioni volte a migliorare le vendite a livello locale (vendita diretta e filiera breve) oltre a tre soluzioni pratiche che possono essere utilizzate per migliorare ancor di più le strategie di marketing, strumenti digitali, etichette e marchi.


download pdf

 

 

farnet9

FARNET - GUIDA 9

 

Questa guida è nata con il preciso intento di aiutare i FLAG che vorrebbero incentivare le attività turistiche a livello locale, misura per la quale trarrebbero vantaggi anche le comunità di pescatori locali. In particolare si concentra su tre punti principali volti a realizzare al meglio l'obiettivo: come includere il pescaturismo all'interno della strategia del FLAG, come sviluppare e supportare l'idea di un turismo di qualità, come promuovere le aree di pesca e le rispettive offerte a livello turistico. La guida è ricca di tabelle e grafici, oltre a 15 esempi di misure già attuate da alcuni FLAG.

 

 

download pdf

 

 


A cura di: